Benessere e Bellezza

cosmetici Bio e Vegan e metodi naturali esclusivi

home page UN REGALO AD OGNI ACQUISTO

Argomenti per il benessere

Forfora

Forfora

 
Contro la forfora e il prurito al cuoio capelluto, c'è la lozione Crescita Capelli For, non alcolica, che assolve efficacemente a questo compito dando inoltre vigore e maggiore consistenza e voluminosità ai capelli.

All'inizio la lozione
Crescita Capelli For va usata ogni giorno per alcune settimane, dopo, gradatamente si riduce ad ogni due, tre giorni circa, fino ad una frequenza definitiva di una due volte la settimana ( a seconda della risposta di ciascuno ).

Vista la sua facilità di applicazione ed economicità, consideriamo questa lozione ottima per mantenere i propri capelli e contrastare efficacemente la forfora e il prurito al cuoio capelluto.

I risultati contro la forfora sono più veloci e definitivi affiancando alla lozione il 
"Massaggio cuoio capelluto" adatto alla preparazione del "terreno" per riattivare e normalizzare l'importante microcircolazione sanguigna del cuoio capelluto.

La lozione la trovi qui

APPROFONDIMENTO
Informazioni tratte da varie fonti
Le informazioni che seguono hanno scopo puramente informativo e non devono mai essere ritenute una diagnosi o considerate un parere medico o scientifico. Quindi tali informazioni non possono e non devono sostituire mai il parere e la diagnosi del medico. Allo stesso modo eventuali prodotti presentati non possono sostituire terapie che sono di esclusiva pertinenza del medico.

FORFORA

La forfora o pitiriasi è un disturbo fastidioso, molto comune, in cui il cuoio capelluto si presenta ricoperto da un'abbondante desquamazione biancastra. Queste piccole scagliette secche sono i residui di cellule morte, il cui ricambio avviene più rapidamente del normale. Questa manifestazione denominata forfora, è spesso accompagnata da prurito e da un antiestetico "effetto neve" visibile sui capelli e sulla zona delle spalle soprattutto se indossiamo vestiti scuri.

Pettinare i capelli e grattare l'epidermide del cuoio capelluto, favoriscono il distacco delle squame, rendendo il problema particolarmente visibile e per certi versi imbarazzante.

La forfora è un problema che colpisce prevalentemente i maschi perchè producono maggiori quantità di sebo, probabilmente a causa dei più elevati livelli di androgeni.

Anche se in minore frequenza ed intensità, il disturbo è diffuso anche nelle femmine.

La forfora compare solitamente dopo l'età adolescenziale e tende a regredire dopo i 35-40 anni. E' rara nei bambini e negli anziani.


TIPI DI FORFORA
  • Forfora secca, è la più frequente nei mesi invernali, nel sesso maschile e in genere non è collegata a caduta dei capelli. Sintomo frequente è il prurito.
  • Forfora grassa, è caratterizzata dalla presenza di un'intensa seborrea che tende a trattenere le squame furfuracee, impedendone l'allontanamento dal cuoio capelluto. Spesso la forfora grassa evidenzia una dermatite seborroica ed è frequente la caduta dei capelli.
POSSIBILI CAUSE DELLA FORFORA

I due tipi di forfora sono caratterizzati entrambi dalla presenza di focolai infiammatori, costituiti da gruppi di cellule che, probabilmente richiamate da microrganismi, rilasciano sostanze che contrastano l'infezione. Tali sostanze (mediatori chimici dell'infiammazione) alterano l'ambiente del derma e originano una maggiore desquamazione.
Difficile è capire cosa genera le infiammazioni locali, la causa prima della forfora.
Ci sono delle ipotesi, dalle disfunzioni delle ghiandole sebacee in fase di secrezione a diversi fattori legati all'alimentazione, da problemi connessi alla digestione e al metabolismo dei grassi sino ai classici disturbi psicologici quali stress o ansia. Per quanto riguarda l'alimentazione, se è vero che è spesso trascurata e non sempre in linea con le necessità dell'organismo, è altresì vero che difficilmente una causa che riguarda entrambi i sessi possa spiegare un problema che colpisce in misura maggiore i maschi.
Ricordiamo altre possibili cause secondarie legate all'igiene dei capelli, come l'impiego di shampoo non adatti o l'eccessivo uso che si fa dell'asciugacapelli o di lozioni e gel che possono alterare l'equilibrio fisiologico dello strato cutaneo.

MINI VADEMECUM
  • Imparare a gestire razionalmente lo stress, concedendosi pause rigeneranti al momento del bisogno.
  • Lavare frequentemente i capelli, perchè contrariamente alla credenza popolare secondo cui i lavaggi frequenti aumentano forfora e caduta dei capelli, una detersione quotidiana con prodotti delicati aiuta a rimuovere l'eccesso di sebo e a prevenire la comparsa della forfora.
  • Adottare una dieta ricca di frutta, verdura e pesce, per apportare all'organismo un adeguato contenuto di amminoacidi solforati, zinco, omega 3, antiossidanti e vitamine B. Moderare il consumo di alcolici e di alimenti iperlipidici, come i formaggi grassi.
  • Ridurre l'applicazione sui capelli di cosmetici quali gel, lacche o mousse, che possono risultare irritanti per il cuoio capelluto, rendendolo più untuoso ed aumentandone il prurito associato alla forfora; attenzione all'uso di prodotti ultra economici per la loro dubbia qualità.
COME INTERVENIRE CONTRO LA FORFORA

La cosa migliore da fare è quella di sottoporsi ad una visita medica dermatologica, per indagare sulle cause, individuare le caratteristiche della forfora e scegliere così lo shampoo o la lozione più idonea.
Comunque è bene lasciare liberi i capelli, limitando l'uso di cappelli o foulard, spazzolarli senza essere violenti, perchè può causare danni al cuoio capelluto (pericolo di infezioni).

  • Prodotti antiforfora: ci sono shampoo contenenti sostanze come lo zolfo, ottimo antibattericida e rigenerante cutaneo e lozioni a base di acido salicilico e retinoico, entrambi efficaci per la rimozione delle squame. Lo zinco piritone è un agente antibattericida ed antifungino che si è dimostrato efficace nel ridurre la popolazione microbica forforacea che il cuoio capelluto produce.
  • Prodotti fitoterapici: sono molto utilizzati gli estratti di peperoncino, l'aceto di mele e gli oli essenziali di eucalipto, di rosmarino, di limone, di salvia e di ortica. Anche l'olio di Tea tree (od olio essenziale di Melaleuca alternifolia), viene utilizzato per le sue proprietà antisettiche ed antifungine come antiforfora, attenzione però perchè in individui predisposti può causare reazioni allergiche.
I prodotti antiforfora possono essere utilizzati quotidianamente sino a quando il disturbo non risulta essere controllato; a quel punto è bene utilizzarli tre volte la settimana, alternandoli, qualora si richiedano lavaggi frequenti, a prodotti più delicati. Il tempo di applicazione, generalmente di almeno cinque minuti, dovrebbe rispettare le indicazioni del produttore, in modo tale da lasciare agire i principi attivi per un tempo sufficiente.

Qualora il problema della forfora non trovasse soluzione nonostante le nostre attenzioni è bene rivolgersi al medico dermatologo.

Uno shampoo al bicarbonato contro la forfora
Si versa un cucchiaio di bicarbonato in una tazza da cucina piena di acqua calda. Si mescola e si versa la mistura ottenuta in un contenitore vuoto di shampoo e poi si agita per bene. Se è troppo densa, si aggiungie dell'acqua fino ad ottenere la densità che ci va bene, ma non diluiamo troppo.
Massaggiamo delicatamente una porzione del prodotto ottenuto sul cuoio capelluto e lasciamolo agire per 5 minuti, quindi risciacquiamo abbondantemente. Facciamo questo shampoo 2- 3 volte la settimana, alternandolo ad uno shampoo bio.
Nel giro di poche settimane la forfora diminuirà progressivamente fino a sparire del tutto.
Oltre all'eliminazione della forfora otteremo la regolazione della secrezione sebacea del nostro cuoio capelluto
.



Va ricordato che esistono patologie più serie di quelle citate sopra, come la psoriasi e la dermatite seborroica che non possono essere risolte con i metodi appena elencati per combattere la forfora, ma che necessitano l'intervento di un medico dermatologo.






Ciò che in questa pagina ho descritto ha il solo scopo di informare come io opero sulla mia persona; non intendo consigliare, potrei anche sbagliare a seguire tale metodo, quindi prima di ogni vostra iniziativa personale è necessario che chiediate al vostro medico cosa è più adatto alla vostra persona. leggere LEGAL DISCLAIMER



Attenzione: il sito propone contenuti a solo scopo informativo che non possono mai sostituire la consulenza di un medico.